Informazioni>Pubblicazioni> Holcim and Proxitron sensors

Sensori Proxitron applicati in cementeria

La Holcim (Germany) GmbH è uno dei principali produttori di cemento in Germania e fa parte del gruppo LafargeHolcim Ltd, Jona (Svizzera), leader mondiale nella produzione del cemento presente in circa 90 paesi con quasi 100.000 dipendenti. 

Il gruppo tedesco - la cui Holding Holcim (Deutschland) GmbH ha sede ad Amburgo - è attivo nei segmenti dei leganti, dei granulari e del calcestruzzo, che costituiscono appunto il core business del gruppo. 

Da oltre 150 anni lo stabilimento di Lägerdorf, a nord di Amburgo, produce cemento. Per la produzione del clinker si utilizza un forno rotante con precalcinatore. La produzione giornaliera è di circa 4.800 tonnellate.

La materia prima viene estratta nella cava, frantumata, miscelata e alimentata al mulino nello stabilimento. Dopo averla omogeneizzata con altre materie prime, la miscela è sottoposta alle azioni meccaniche di urto dei mulini, filtrata e trasferita nel sistema forno; qui viene riscaldata e trattata a caldo, per essere poi completamente de-acidificata nel calcinatore. Nel forno rotante lungo 65 m Il materiale (farina cruda) passa attraverso diverse zone di cottura: la farina cruda avanza nel forno inclinato di 4° a temperature che arrivano fino a 1800 °C e si trasforma in clinker di cemento. Il movimento è dato da due alberi di acciaio – azionati da quattro motori idraulici – sui quali appoggia direttamente l’anello di rotolamento del forno rotante. Per ridurre al minimo l’usura dell’albero e dell’anello, gli alberi si muovono continuamente sullo stesso asse: il cosiddetto moto a pendolo. Due sensori analogici induttivi Proxitron, uno per albero, controllano con precisione se l’ingranaggio è in asse e la risposta viene inviata sotto forma di segnale analogico 4-20 mA al quadro di comando.


I requisiti erano ben definiti: il sensore doveva avere un campo di lavoro di 70 mm, uscita analogica 4-20 mA, essere robusto, resistere alle temperature e alla sporcizia, e non richiedere manutenzione. In queste condizioni di lavoro un misuratore di distanza ottico non sarebbe stato idoneo. Il sensore MKN 070.194 H S4 Proxitron è in grado di soddisfare a pieno la richiesta. Con una costruzione molto robusta e concepito per lavorare fino a 100 °C, il sensore resiste in ambienti gravosi. Per la comunicazione dati è presente un’interfaccia RS 485. I sensori lavorano in maniera affidabile per decenni. “Abbiamo installato i sensori analogici Proxitron e ce li siamo dimenticati“, afferma il Sig. Sönke Kühl, responsabile della manutenzione elettrica in Holcim, Lägerdorf. “Sensori sui quali si può fare affidamento in questa maniera, di sicuro facilitano enormemente il nostro lavoro. Dovessi scegliere, continuerei a prendere Proxitron“, aggiunge il Sig. Kühl.

Da sempre Proxitron è sinonimo di alta qualità. Come costruttore di sensori induttivi, ottici e analogici, Proxitron si è specializzato soprattutto in settori che richiedono robustezza. “Negli ultimi anni abbiamo portato avanti lo sviluppo degli induttivi, delle barriere, e degli Hot Metal Detector o interruttori di temperatura” dichiara Ulf Legast, Amministratore della Proxitron. “Essere vicino ai nostri clienti ci permette di capire quali sono le loro esigenze e rimanere al passo con i tempi”. Anche la qualità “Made in Germany” è un dato di fatto in Proxitron, tanto quanto lo è in Holcim (Deutschland) GmbH.

La Holcim (Deutschland) GmbH utilizza Proxitron non solo per il controllo della distanza; l’attivazione dello scanner di temperatura presente sul forno rotante avviene infatti mediante il segnale proveniente da sensori induttivi Proxitron indicati per temperatura ambiente fino a 230 °C. Qui i sensori in custodia inox M50 e M30 sono installati direttamente sotto il forno rotante, dove sono in grado di resistere a temperature estreme.

Ai sensori analogici induttivi >>

Applicazioni produzione cemento >>

Azionamento idraulico con sensore analogico Proxitron

Forno di cementificio con anello di rotolamento

Iscriviti alla nostra newsletter